davidbush.org       

BIOGRAFIA

CURRICULUM VITAE

EFFETTI VISIVI

REGISTI CON CUI HA LAVORATO

3D O NON 3D

Un primo pomeriggio di circa 30 anni fa un giovane Peter Swinson, all'epoca parte del dipartimento di ricerca del produttore di telecine e scanner Rank Cintel, ci spiegò i risultati dei test che aveva eseguito con diverse risoluzioni della stessa immagine, in modo da valutare la quantità di dati che ogni immagine conteneva. C'è voluto un po' per capire, ma Peter ci ha dimostrato che scansionando a risoluzioni sempre più alte, si ottengono file di dimensioni sempre più piccole per una qualità d'immagine equivalente. In altre parole, usando le tecniche di Peter abbiamo ottenuto file più piccoli con meno dati, eppure immagini di qualità superiore. Più "bang for the buck", per così dire.

Per fare un esempio pertinente, la compressione di un'immagine 12k di 5:1 dà immagini eccellenti senza alcuna differenza visibile con l'originale non compresso. Questa è chiamata compressione senza perdita - in inglese "Lossless Compression". Ad essere onesti ci sono alcune occasioni in cui preferiamo l'immagine non compressa, per esempio, dove ci sono molti oggetti diversi e numerosi che cambiano posizione o illuminazione, ma queste sono abbastanza rare.




Nel corso degli anni abbiamo fatto numerosi test comparativi sul grande schermo di diverse risoluzioni e rapporti di compressione. Facendo uso di codec sempre migliori (come il nuovo Blackmagic Raw), siamo anche giunti alla conclusione pratica che piccole quantità di compressione possono essere utilizzate per il mastering, l'editing, il grading ecc. in modo proattivo per ridurre i costi, riducendo anche i requisiti di archiviazione e la potenza di elaborazione delle apparecchiature. Questo può essere fatto senza alcuna degradazione della qualità delle immagini, a condizione che venga utilizzata la compressione senza perdita, perché questa è matematicamente garantita per avere esattamente gli stessi valori di pixel dell'originale.

Il sensore URSA Mini Pro 12K e Blackmagic RAW sono stati progettati insieme per rendere i flussi di lavoro RAW a 12 bit in 12K senza sforzo.  Essendo un codec di nuova generazione incredibilmente efficiente, Blackmagic RAW consente di effettuare riprese in 12K e l'editing su un laptop, una capacità che semplicemente non è possibile con altri codec. L'enorme risoluzione del sensore significa che il girato può essere ri-formattato in post per la consegna in 8K e 4K. È come disporre di una ripresa multicamera con una sola camera. Il design avanzato del sensore e Blackmagic RAW significa che il lavoro può essere avviato in qualsiasi risoluzione in post produzione istantaneamente, senza rendering, mantenendo l'accuratezza dei colori del sensore completo. Le riprese in RAW conservano tutti i dati e i 15 stop di latitudine di posa. Questo apre opzioni creative in post produzione e può aiutare non solo a salvare scene sovra o sottoesposti, ma, cosa importante, offre anche possibilità di eccellenza cromatica molto più creative.

La post produzione può essere resa più semplice ed efficiente anche evitando di convertire i file in altri formati. Non c'è più bisogno di fare queste conversioni e trascodifiche. Causano solo una perdita di tempo, uno spreco di spazio e anche uno spreco di denaro, mentre potrebbe anche potenzialmente degradare la qualità dell'immagine.


Grant Petty, CEO di Blackmagic Design sul raw:

"Blackmagic RAW è un moderno codec RAW professionale ad alte prestazioni, aperto, multipiattaforma e gratuito. È stato progettato per fornire all'industria un formato immagine aperto, elegante e standardizzato di alta qualità".

Con Blackmagic RAW, ci sono diversi rapporti di compressione disponibili per adattarsi a qualsiasi flusso di lavoro. La compressione è importante, e questo link va una pagina che spiega la compressione, e come possiamo usarla con queste alte risoluzioni. Sperimentando, abbiamo scoperto che la compressione 5:1 dà immagini con una compressione senza perdite. La camera ha quindici stop di latitudine di posa, che ci permette di preservare tutte le alte luci e le ombre. Per esempio, con le riprese in esterni durante una luminosa giornata estiva possiamo riprendere i soggetti in ombra contro uno sfondo molto luminoso, per esempio gli edifici della città. Con la latitudine estesa possiamo catturare tutti questi valori di esposizione e modificarli a piacimento durante la post-produzione.


12k e la compressione

A sinistra: Peter Swinson nel 2007 e a destra a Chicago quando lavorava per Bell & Howell, tenendo il loro Oscar tecnico.