TUTTE PAGINE DEL WEBSITE

davidbush.org       

ALBERTO PARODI

ALESSIO FOCARDI

GUIDO PAPPADA'

PARTNERS MOBILE LAB


Integrare gli effetti visivI sul set


Di Chris Chinnock, direttore esecutivo, 8K Association



Fino a poco tempo fa, l'aggiunta di effetti visivi (VFX) a un film o a una produzione televisiva veniva fatta in un processo di post-produzione che richiedeva molto tempo. Questo significava che gli attori dovevano immaginare il look finale mentre recitavano davanti a uno schermo blu o verde. Con l'avvento delle camere digitali "trackati" e degli schermi a LED, i creatori di contenuti sono in grado di effettuare il pre-rendering di complesse "plate" di sfondo e di effetti speciali per catturare dal vivo gli attori e gli effetti speciali nella camera digitale. Questo è un grande vantaggio perché permette una revisione istantanea della ripresa, così i creativi possono decidere se è accettabile o se ha bisogno di nuove ciak.

Ma cosa succede se il vostro budget non vi permette di affittare un palcoscenico con un enorme video wall a LED e una soluzione di camera "trackato"? Per scoprirlo, abbiamo parlato con David Bush, un professionista del cinema con 40 anni di esperienza sul set e nella post-produzione. Il suo team ha sviluppato quello che lui chiama 8K Mobile Lab.






Chris: Per prima cosa, ci dica in cosa consiste l'8K Mobile Lab?

David: Il nostro obiettivo era quello di rendere il processo di produzione e post-produzione più veloce e meno costoso, offrendo al contempo nuove opportunità creative. Così, il nostro 8K Mobile Lab è diventato un potente hub editoriale creativo, con editing online, color grading, effetti sonori e visivi, il tutto lavorato in tempo reale, permettendo ai nostri occhi e alle nostre orecchie di vivere sul set il risultato finale in alta risoluzione. È l'equivalente di una vera e propria struttura di post-produzione costruita in flight case costruiti appositamente che possono essere allestiti in meno di un'ora in quasi tutti i luoghi delle riprese o nelle vicinanze.  Questo offre un flusso di lavoro semplice, pratico, economico e veloce per la finitura delle produzioni 8K.

Chris: Quindi vi piace usare camere 8K o 12K?

David: Sì, abbiamo usato RED 8K e ora stiamo lavorando con la camera Blackmagic Design 12K.  Usiamo un Mac Pro con il display Apple XDR da 32" con risoluzione 6K e 1000 nits di brillantezza.  Il contenuto viene ingerito attraverso i codec RAW o di compressione leggera offerti da RED o Blackmagic Design.  La bellezza di Resolve è che il software fa l'editing e il mixaggio del suono insieme al color grading e al compositing degli effetti visivi.  L'idea è quella di fare l'editing, il mixaggio, il grading, il compositing e i rendering 6K durante la notte, in modo che i giornalieri siano pronti per la revisione critica sul set la mattina successiva.  Lo abbiamo già testato profondamente.

Chris: Questo è davvero impressionante, ma come fate a integrare gli effetti speciali senza una capacità di set virtuale?

David: Chiaramente, dobbiamo lavorare con i creativi prima delle riprese per capire quali elementi di sfondo o elementi degli effetti visivi potrebbero essere catturati nella camera.  La rimozione dei fili o di altri oggetti in primo piano dovrà comunque essere fatta in un processo di post-produzione, ma possiamo catturare gli sfondi con la giusta parallasse senza essere sul posto fisico o utilizzando un sound stage a LED video wall. Il trucco è documentare prima quali saranno i movimenti della telecamera con gli attori. Poi andiamo nel luogo desiderato, installiamo le camere e catturiamo lo sfondo usando gli stessi movimenti della camera, o semplicemente installiamo una camera fissa in 12K. Gli attori recitano davanti allo schermo blu o verde, ma ora abbiamo le elementi dello sfondo da comporre durante la notte. Questo è stato accolto molto bene dai nostri clienti.

Chris: Molto bene.  David, grazie per il tuo tempo.


David Bush